ETf telefono casa !!!

ETf telefono casa !!!

Scherzi a parte: gli ETF sono uno strumento finanziario molto, molto, molto importante. Meglio definirlo fondamentale per il semplice investitore.

Prima di iniziare una premessa: come blogger trovo soddisfazione quando il contenuto piace e viene condiviso sui social network. Alla fine della lettura ti prego di condividerlo utilizzando i pulsanti sottostanti. Grazie!

Tuttavia in pochi conoscono questo strumento. Tu lo conosci ? Normalmente questa è tra le prime domande quando partecipo ad una conversazione sul tema degli investimenti, del risparmio. In ben poche persone conoscono questo strumento. Anche chi investe in borsa (come semplice investitore retail), ne ha sentito parlare ma lo ha usato raramente, per non dire mai.

Che cosa è un ETF ?

Molti di noi conoscono i fondi comuni di investimento, i fondi con gestione attiva del patrimonio. In pratica, semplificando al massimo, sono società (chiamate SGR) che gestiscono i soldi dati in gestione secondo pratiche, logiche, metodologie associate alla persona che gestisce il fondo.

Invece gli ETF (Exchange Traded Fund) sono fondi di investimento PASSIVI. Cioè il loro rendimento dipende dall’indice sottostante che vogliono replicare e non dalla capacità di un gestore. In pratica un ETF è regolato da una formula matematica che cerca di replicare l’andamento dell’indice, cioè delle azioni che formano l’indice specifico, il mercato.

Warren Buffett, nelle sue lettere agli azionisti della Berkshire, cita sempre il piccolo ma utile libro The Little Book of Common Sense Investing di J. Bogle (fondatore della Vanguard, “piccola” società che gestisce circa 3.000 miliardi di dollari, nella maggior parte con strumenti ETF).

Vediamo un esempio: in questo periodo, ipotesi non vera, supponiamo mi dovesse piacere il mercato italiano perché vedo un’opportunità di crescita. L’indice del mercato italiano si chiama FTSE MIB, l’insieme delle 40 aziende quotate a Milano con la capitalizzazione maggiore (le più “grandi” aziende italiane quotate). Ebbene, ho due possibilità:

  1. posso comprare le 40 aziende differenti direttamente in borsa (calcolandomi i differenti pesi di capitalizzazione), oppure
  2. posso comprare direttamente l’ETF FTSE MIB !!!

Ora ricordiamoci il mio obiettivo: non è quello di diventare un trader ma semplicemente di capire meglio come investire i miei soldi mentre conduco il mio normale lavoro !!! Ebbene mi sembra che la seconda opzione sia più perseguibile !

Esistono ETF di tutti i colori, per tutte le stagioni, per tutti i gusti.

Penso che l’acqua sia un settore su cui puntare ? Esiste l’ETF che raccoglie le più grandi aziende del settore.

Il Nasdaq è il futuro ? Esiste l’ETF per l’indice Nasdaq.

L’Africa è un’opportunità ? ed ecco l’ETF per l’Africa. La Grecia si deve riprendere ? Esiste l’ETF che replica la borsa di Atene …

Ma facciamo un passo in avanti: mi piacciono le aziende che pagano alti dividendi, perché il mio obiettivo è quello di incrementare le mi rendite passive? Imbarazzo della scelta: ETF Dividend Achievers per l’Europa, per l’Asia, per l’America, etc. etc. etc.

OK Vittorio, molto interessante, ma perché devo investire i miei risparmi in fondi di investimento passivi, quando i fondi di investimento attivi sono gestiti da persone molto brave e preparate che …. sicuramente …

Fermi tutti. Iniziamo a parlare di aspettative, di ritorno sull’investimento, di costi di gestione.

Ti sei mai chiesto qual è la tua aspettativa di resa dell’investimento azionario ? ebbene sempre Warren Buffett ci ha detto a maggio del 2014 che gli investitori nell’azionario si dovrebbero aspettare un ritorno del 7% annuo (fonte Bloomberg.com). OK vogliamo essere ottimisti e diciamo di aspettarci un ritorno complessivo del 9% annuo.

Iniziamo a togliere le tasse perché in qualità di poveri mortali paghiamo oggi il 26% sul capital gain e sui dividendi. Quindi

9% * (1-26%) = 9% * 74% = 6,6%  (aspettativa di un ritorno annuo NETTO)

Ma ci siamo dimenticati che dobbiamo ancora considerare il costo di gestione annuo: mediamente 2%. Semplifico il calcolo e ipotizzo un costo di gestione del 1,6% annuo sul capitale investito. Ebbbene

6,6 % – 1,6% = 5% (aspettativa di un ritorno annuo NETTO dopo i costi di gestione)

Ora la cosa che mi fa più pensare è quando considero che 1,6% rispetto a 6,6% vale circa il 25%: cioè sto dando il 25% circa del mio profitto annuo al gestore del fondo attivo. A me, in questi termini, sembra un tantino troppo. Anche considerando che quando il mercato va giù devo sempre pagare la commissione di gestione.

“OK Vittorio, ma i gestori dei fondi battono il mercato”. Siamo proprio sicuri ? Il web è pieno di ricerche (anche accademiche) che mettono in risalto come i fondi attivi non battono il mercato in maniera consistente sul lungo periodo.

A questo punto è meglio direttamente comprarsi il mercato, comprarsi un ETF che replica il mercato su cui mi sono concentrato. Anche perché i costi degli ETF sono molto inferiori, nell’ordine del 0,75% all’anno. Ultimamente ho trovato un ETF sull’azionario che costa 0,26% / anno .

Anche perché vale la pena ricordare che questo blog racconta la mia esigenza (che reputo essere di molti) di investire i propri risparmi con consapevolezza e senza uno stress eccessivo (già lavoro e mi è sufficiente lo stress che accumulo normalmente) per incrementare le mie MPI (Multiple Passive Income), le mie Rendite Passive !!!

L’ETF di cui parlavo sopra riunisce le 1000 aziende mondiali che pagano i dividendi più alti. Per il mio gusto è perfetto: è uno strumento con cui sto costruendo una base che mi genera soldi, dividendi; senza i rischi associati ad una singola azienda. All’inizio ho comprato e tenuto per lungo tempo grosse aziende italiane che pagavano alti dividendi. Non vi nascondo che avevo comprato le azioni di una grossa banca americana perché ero attratto dai dividendi: la storia è nota: con il botto di Lehman Bros ho perso il 90 % investito in questa banca. Sinceramente ora prima di investire in una specifica azienda, preferisco pormi una domanda più importante:

su quale mercato, come voglio allocare il mio capitale ?

Trovo che questa sia la domanda chiave per me, investitore per hobby, e sia molto più importante che cercare la singola azienda su cui investire. Prima voglio capire su quale trend, su quale mercato investire. E gli ETF mi aiutano, a bassissimo costo, a rispondere alla mia domanda.

Ora ti devo chiedere una cortesia:

solo questo post è più di 1000 parole, un capitolo di un libro. Hai trovato questo articolo interessante? ti chiedo solo la cortesia di condividerlo sui tuoi social network, su Linkedin, su Facebook, etc. con i pulsanti sottostanti: per te è gratis, per me una soddisfazione! Grazie

ps anche i commenti e le domande per approfondimenti sono molto apprezzati

A presto,

 

Disclaimer

Foto tratte da www.freeimages.com